loader image

Passo per passo verso il successo in cucina

Da oltre 18 anni Heinrich Gasteiger, Gerhard Wieser e Helmut Bachmann formano il team di “Cucinare nelle Dolomiti”. Con più di 1,2 milioni di libri venduti, i tre chef sono gli autori di ricette più famosi dell’intera area alpina. Il motivo di questo successo è facile da scovare: ogni piatto, prima di essere inserito nel volume, viene assaggiato. Con il loro nuovo libro (Il grande ricettario “Cucinare nelle Dolomiti”), che verrà pubblicato dalla casa editrice Athesia a settembre 2019, vogliono guidare passo per passo i principianti della cucina e i lettori che desiderano confrontarsi con piatti complessi. Sono inoltre spiegate in modo dettagliato alcune conoscenze base: come fare le tagliatelle, preparare gli gnocchi o tagliare nel modo corretto lo speck…

Cucinare le melanzane: un metodo facile

Melanzane su un letto di speck
Per 4 persone

Melanzane

  • 600 g di melanzane
  • 2 cucchiai di farina per impanare
  • Sale

Condimento

  • 1 cucchiaio di aceto bianco o succo di limone
  • 30 g di cipolle tagliate a fettine
  • 2 spicchi d’aglio tagliati a fettine
  • 50 ml di olio d’oliva
  • 1 cucchiaio di origano in polvere
  • 2 cucchiai di prezzemolo tritato
  • 1 peperoncino sbriciolato
  • Pepe macinato
  • Sale

Altro

  • 8 fette di Oltspeck Recla
  • Cerfoglio per decorare
  • Olio per friggere


Preparazione
Lavare le melanzane e tagliarle a dadini di 2×2 cm, salare, impanare con la farina e friggerle. Per il condimento: mescolare l’aceto bianco, le cipolle, il pepe, l’aglio, il sale, l’olio d’oliva, l’origano, il prezzemolo e il peperoncino. Disporre le melanzane sulle fette di speck, versare sopra il condimento e servire con il cerfoglio.

Consigli
Potete sostituire le melanzane con le zucchine o i peperoni. Al posto dello speck, è possibile utilizzare la coppa, il manzo affumicato, la bresaola o il carpaccio. Potete saltare le melanzane anche in una padella con olio di oliva.

Vino da abbinare Birra da abbinare
“Fürst” A.A. Meranese DOC 2016

Questo pregiato vino brilla di un rosso rubino. Al naso spicca il profumo di mandorla e violetta. Al palato offre una buona morbidezza e corposità con lievi sentori di legno e tannini evidenti.

FORST Felsenkeller

Questa birra, naturalmente torbida, imbottigliata direttamente dal tank di maturazione e pertanto non filtrata né pastorizzata, sorprende con il suo sapore corposo e un retrogusto piacevolmente morbido.


Tagliare lo speck: si fa così!

Consiglio: Oltspeck altoatesino Recla. Ancora oggi è prodotto nel rispetto di un’antica tradizione. Le materie prime di altissima qualità, la miscela di spezie dalla ricetta segreta di famiglia, la delicata affumicatura con legno di faggio e l’equilibrata stagionatura gli conferiscono un sapore unico.